Un roseo tramonto e l’amore

A quest’ora d’inverno ‘l cielo si tinge di rosa. Ma non solo: tutta la città è avvolta, abbracciata, da una morbida luce quasi purpurea. I palazzi sembrano più romantici, i vetri sorridono beati, e tanto corre la vista verso il sole, che come una palpebra ci saluta, così corre la fantasia a profumare dello stesso colore ogni immagine che le capiti sotto mano. È incredibile come un panorama possa far emergere in noi i più sublimi profumi e le più belle strette, anche se ciò che vediamo è la sola luce. Pian piano, essa incupisce poi verso un vigoroso viola, e allora noi dobbiamo correre verso altre immagini, più soffuse: magari una canzone, o nel freddo buio, l’addio ad una cara persona. Ma ecco, finalmente le nuvole come un velo portano via la nostra attenzione, e ci lasciano liberi di vagare ovunque. Come in un sonno ad occhi aperti, ritorna quella dolce sensazione: prima che faccia buio, da qualche parte, il mio sguardo s’è già incontrato con quello di un’anima affine, che come me, trasognata stringe il cielo. E l’aria già trasporta qui e là il nostro desiderio d’amore, che mai e poi mai si può arrendere alla solitudine o alla diserzione di un giudizio di stima. Ma cos’è questo amore che solo per pochi minuti, prima della sera appare? Sembra che sia come una rondine: vaga da un polo all’altro del mondo, cercando il calore nel cuore delle persone e rifuggendo il gelo d’inverno. S’avvezza però alla bellezza della neve. Anzi, ne conosce ogni singolo diverso fiocco e con la sua provvidente maestria ci cinge l’animo, quando il nostro cuore sarà nel suo momento più luminoso e più  puro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...